D2D:#WISTER – INTERVISTA A ALESSANDRA DONNINI

DSC_2170_piccola

Gli Stati Generali dell’Innovazione, la Rete Wister e la  Direzioni Srl organizzano e promuovono il I° learnig meeting su Donne e utilizzo dei Social Network. L’evento si terrà a Padula in Provincia di Salerno dal 19 Luglio al 20 Luglio 2013 nella splendida Certosa di S. Lorenzo.

Ne parliamo con Alessandra Donnini, nata a Pontedera (Pisa). Laureata in Scienze dell’Informazione, ha lavorato per molti anni nell’informatica cosiddetta “real time”, ovvero sistemi per la supervisione e controllo di impianti e quindi difesa dove ha smesso di lavorare per scelta specifica nel 1998.  Si è occupata da allora di internet e di quello che succedeva su internet. Fino al 2007 è stata dirigente di azienda, nel 2007 ha creato la sua piccola azienda etica, Etcware. ETC sta per Ethical Technological Company, si occupa di open data, semantic web, applicati principalmente ai domini di Education e Beni Culturali. L’occasione è stata una consulenza per il MIBAC sull’architettura di un sistema di gestione del catalogo dei Beni Culturali: da una cosa così apparentemente noiosa si è aperto un mondo. Dal 2000 al 2009 ha insegnato come professore a contratto a Tor Vergata Informatica 1 agli ingegneri e poi ha tenuto un corso di Progetto siti web.

 

Perchè Wister?

A.D. In Italia modelli maschili e femminili sono ancora molto legati alla figura di “staff” della donna, sia nella vita privata che nel lavoro. Le donne supportano figli, famiglia, colleghi, capi. Le donne sono come i ghostwriter, hanno scritto il libro, ma il loro nome non compare quasi mai. Wister è educativo, serve a prendere coscienza dei problemi e a cercare delle soluzioni insieme. Wister è politica.

Inclusione ed alfabetizzazione digitale. cosa fare e come fare?

A.D. Capire i bisogni, offrire e implementare soluzioni (corsi, gruppi, presenza sul territorio), misurare l’efficacia di quello che facciamo. Trovare dei finanziamenti per fare tutto questo. (Troppo sintetico ma non posso suggerire soluzioni in due righe).

Perchè questa prima iniziativa al Sud?

A.D. Questo me lo dovete dire voi! Io partecipo con entusiasmo e mi pare una buona iniziativa anche per conoscerci e confrontarci.

Quali prospettive dopo il I Learning meeting?

A.D. Diciamolo nella sessione conclusiva del Learning Meeting.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *