Articoli

iStock_000018450664XSmall

Partecipa alla consultazione sulle competenze digitali

Sono troppi, ancora, i cittadini italiani che non hanno mai usato Internet. Circa il 40% degli italiani non possiede un computer e non sa inviare una e-mail o pagare un bollettino on line.

La mancanza di competenze riguarda anche le piccole e medie imprese, con effetti molto significativi sulla capacità di crescita economica e di competitività globale. Nei prossimi anni la domanda di competenze digitali continuerà ad aumentare e questo rappresenta la vera sfida per la modernizzazione del paese e la sua capacità di competere. 

Continua a leggere

80 million “sharers”

From Uber’s ride-sharing to Taskrabbit’s services ranging from gift-wrapping to dog-walking, the sharing economy has become a major part of everyday American life. An estimated 80 million “sharers” in the US bought services from these companies last year, and 23 percent of Americans have partaken in at least one exchange using a sharing platform company in 2014. Given the convenience and accessibility of goods and services these companies provide, the rise of the sharing economy has been a huge boon for consumers. However, from the worker’s perspective it raises many problems and instabilities.

Continua a leggere

alfabetizzazione digitale

Il grande gioco dell’alfabetizzazione digitale

C’é chi ritiene che l’Information technology sia un avversario da battere. Spesso scambiano l’Information technology con la crisi economica. Molti ritengono che l’Information technology spersonalizzi le relazioni umane, comprese quelle che si sviluppano tra un cliente e il produttore. Sicuramente la digitalizzazione del mondo del credito impatta sui livelli occupazionali, sicuramente un dipendente della Nokia ha nutrito risentimento verso il mondo Internet oriented. D’altro canto verso, c’é chi ritiene che l’Information technology, che il digitale (gadget compresi) siano una religione da affermare senza se e senza ma. Conseguentemente questa categoria di apostoli divide, in modo elitario, il mondo in due categorie, gli unti dal digitale e gli analfabeti digitali. Spesso costoro si nutrono in modo acritico del mito della Silicon Valley. C’é poi chi confonde la cultura digitale con la diffusione -o la carenza- delle infrastrutture abilitanti. 

Continua a leggere