Articoli

iStock_000018450664XSmall

Partecipa alla consultazione sulle competenze digitali

Sono troppi, ancora, i cittadini italiani che non hanno mai usato Internet. Circa il 40% degli italiani non possiede un computer e non sa inviare una e-mail o pagare un bollettino on line.

La mancanza di competenze riguarda anche le piccole e medie imprese, con effetti molto significativi sulla capacità di crescita economica e di competitività globale. Nei prossimi anni la domanda di competenze digitali continuerà ad aumentare e questo rappresenta la vera sfida per la modernizzazione del paese e la sua capacità di competere. 

Continua a leggere

libreumbria

Nasce Associazione LibreItalia ONLUS: una casa per tutti gli utenti italiani di LibreOffice

Con l’adozione di LibreOffice, la pubblica amministrazione in Italia potrebbe risparmiare almeno 600 milioni di euro

I membri italiani di The Document Foundation hanno dato vita all’Associazione LibreItalia ONLUS, che ha l’obiettivo di aggregare tutti gli utenti italiani di LibreOffice per accelerare la diffusione e la promozione della suite, intesa come strumento libero di produttività individuale e automazione d’ufficio in grado di ridurre il digital divide e abbattere le barriere all’accesso degli strumenti di information technology alle fasce più deboli della popolazione.

Continua a leggere

“Ragazze digitali, idee per un futuro smart” la cultura digitale tra mito, realtà e opportunità incontro con le medie superiori di Reggio e Modena

L’associazione EWMD European women's management development (associazione europea per la formazione manageriale femminile) delegazione di Reggio Emilia in collaborazione con la facoltà di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio conduce un’iniziativa sul divario digitale di genere per promuovere il ruolo attivo delle donne negli ambiti lavorativi legati alle nuove tecnologie. Numerose ricerche hanno evidenziato la scarsa presenza delle donne nei settori legati all'innovazione tecnologica a livello sia italiano sia internazionale. Tutti i dati dimostrano come le donne siano scarsamente coinvolte nella proposta di nuove tecnologie, servizi e applicazioni informatiche. La società del XXI secolo, pervasa di informatica a tutti i livelli, non potrà migliorare senza l’apporto delle idee, delle capacità e dei sogni del 50% 
della popolazione mondiali. 

Continua a leggere